{item_detailtitle}

claro fair trade - commercio equo da più di 40 anni

Considerato pioniere del commercio equo in Svizzera, la società claro fair trade s’impegna da oltre 40 anni a favore delle condizioni di commercio più eque nei paesi dell’emisfero sud e partecipa attivamente alla loro elaborazione. Già nel 1974, con l’inaugurazione della prima Bottega del Mondo a Uster, claro fair trade posò la prima pietra. Nel 1976, venne fondata l’Associazione delle Botteghe del Mondo e avviata la cooperazione con una prima organizzazione di produttori «Corr- The Jute Works» in Bangladesh. Questa collaborazione diede origine al movimento equosolidale con le leggendarie borse di juta. Chi non ricorda la campagna «Jute statt Plastik» (juta invece di plastica)? Questo slogan che era già al passo con i tempi è sempre più attuale che mai. A tutt’oggi, claro fair trade collabora attivamente con «Corr – The Jute Works» e, sostenendo in questo modo il commercio equo in Bangladesh, procura lavoro alle persone e con esso migliora le condizioni di vita.


Grazie alla collaborazione con claro fair trade, non è solo il Bangladesh a trarre profitto, bensì anche 200 cooperative di piccoli agricoltori, organizzazioni non governative e aziende a conduzione familiare in Africa, Asia e America Latina. Questo significa, che, grazie al commercio equo, più di 100 000 persone, tra le più colpite a livello socioeconomico, sono in grado di condurre una vita più autonoma.

Tramite il contatto diretto con i partner commerciali, claro fair trade crea le opportunità per un commercio equo, riduce la povertà e promuove lo sviluppo sostenibile in Africa, Asia e America Latina. Grazie al sostegno di claro fair trade, queste aziende e le persone che le sostengono, hanno accesso ai mercati del nord. 

Il prezzo stabilito tra i vari partner commerciali rimane invariato, indipendentemente dalle fluttuazioni del prezzo sul mercato mondiale. In questo modo è possibile coprire le spese di produzione, garantire l’esistenza dei produttori e realizzare una produzione sociale ed ecocompatibile. L’agricoltura ecologica non è esplicitamente richiesta, ma viene promossa e sostenuta finanziariamente.

Beninteso, anche le condizioni di lavoro svolgono un ruolo centrale in questo senso. Devono essere garantiti la sicurezza sul lavoro come pure un ambiente compatibile con la salute. È vietato il lavoro minorile e qualsiasi forma di schiavitù e per ogni collaboratore deve essere garantita la libertà sindacale. Le donne hanno diritto alla parità di trattamento e al rafforzamento della loro posizione nell’impresa, qualunque sia la cultura del paese. 

claro garantisce così l’evoluzione del know-how e i partner commerciali imparano ad affermarsi sul mercato. 

Con un volume iniziale di 65 sacchi di caffè «Indio» fino a 2010 chilogrammi di miele, 600 chilogrammi di tè Simba, 1000 m di cotone e alla piccola collezione di artigianato artistico, claro fair trade realizza oggi un fatturato di 13 milioni di franchi svizzeri insieme ai suoi partner commerciali. Nel frattempo, l’assortimento comprende migliaia di articoli, tra cui derrate alimentari come tè, specialità di miele, riso, cioccolato, frutta secca e caffè biologico. Per i negozi di moda UNICA Fair Trade, claro lancia due volte all’anno, insieme al suo partner peruviano di lunga data Raymisa, una collezione di maglieria in lana di alpaca di fabbricazione sostenibile. Elementi moderni di marchi selezionati con consapevolezza come Lanius, Veja, Jungle Folk, Beaumont Organic, People Tree, Ecoalf, articoli in pelle di CRC e molti altri completano la collezione. L’offerta comprende inoltre giocatoli di legno fabbricati a mano e con metodi tradizionali, borse, cesti, prodotti tessili per la casa, stoviglie e oggetti di decorazione. 

Oggi, claro fair trade rifornisce più di 100 negozi claro, altre Botteghe del Mondo, quattro filiali UNICA Fair Trade, un negozio Lanius, il commercio specializzato in prodotti alimentari nonché organizzazioni commerciali in Europa e nel mondo intero. 

Informazioni dettagliate e complementari in merito ai singoli progetti sono ottenibili qui (in francese): www.claro.ch