{item_detailtitle}

Certificazione europea di biochar (EBC)

L'Istituto Ithaka ha introdotto delle linee guida di base per il controllo e l'ottenimento del Certificato Europeo del Biochar. La certificazione ha lo scopo di garantire la produzione sostenibile di carbone vegetale. I produttori possono così garantire la qualità agli utenti e alle autorità. 

Per oltre due millenni, il carbone di legna e il carbone vegetale sono stati tra le materie prime di base del mondo civilizzato. Utilizzato principalmente come combustibile per cucinare e riscaldare e per la lavorazione dei metalli, è però anche stato utilizzato secoli fa per migliorare il terreno, per le stalle e sanitari, come rimedio naturale e anche come integratore alimentare. Nel secolo scorso, poi, gran parte di questa tradizione si è persa e si è ripresa solo al volgere del millennio.

Il carbone vegetale è prodotto dalla carbonizzazione pirolitica di varie biomasse. Questi includono verdure, residui del raccolto, corteccia, sansa, pelli, cuoio, pelli, piume, residui di conserve alimentari, cellulosa, fibre vegetali, fanghi di fibre di carta e molti altri. Grazie ai moderni processi tecnici, che sono stati continuamente sviluppati a partire dal 1990, è ora possibile pirolizzare tutte le materie prime vegetali con un contenuto di umidità fino al 50% in carbonio vegetale. Questo produce gas di sintesi che possono essere bruciati con bassi livelli di inquinanti. Questo produce calore, che viene utilizzato per riscaldare la biomassa che è stata immessa nell'impianto e per il riscaldamento. Possono anche essere convertiti in energia elettrica con una tecnica speciale. 

Grazie alla ricerca e alla sperimentazione pratica, è stato possibile trovare un modo per utilizzare gradualmente il carbone vegetale in agricoltura. L'uso del carbone vegetale è in aumento dal 2015 e si prevede un ulteriore aumento. Ma anche nell'industria - principalmente nei settori dell'edilizia e delle materie plastiche, così come nell'industria della carta e del tessile - il carbonio vegetale è sempre più utilizzato.

Le proprietà e il bilancio ambientale del carbonio vegetale dipendono fortemente dal tipo di pirolisi e dalle materie prime utilizzate. Per garantire che il carbonio vegetale sia prodotto in modo efficiente dal punto di vista energetico e rispettoso dell'ambiente, queste linee guida, introdotte dall'Istituto Ithaka, sono necessarie. 

Dall'introduzione delle linee guida, bio.inspecta è partner dell'Istituto Ithaka e ispeziona e certifica 31 produttori di carbone vegetale in Svizzera, Austria, Germania, Francia, Finlandia, Svezia, Gran Bretagna, Polonia, Romania, Serbia e Lettonia secondo le attuali linee guida. Il certificato di controllo ha lo scopo di garantire una produzione sostenibile. I produttori possono così garantire la qualità agli utenti e alle autorità. Il certificato è uno standard volontario in Europa. In Svizzera, il livello di certificazione EBC-AgroBio è un prerequisito per l'utilizzo del carbonio vegetale come ammendante del suolo.

Potete trovare ulteriori informazioni qui.